Google+

social net

Follow Me on Pinterest
Share on Tumblr

giovedì 29 marzo 2012

Elezioni a Palermo


La foto, che ritrae la via Paternostro nel centro storico di Palermo, è stata inviata a postaweb@gds.it da un lettore di Gds.it. “Mi sono particolarmente irritato nel vedere ragazze in vacanza divincolarsi fra la spazzatura, cassonetti pieni e auto che passavano a stento”.
E nel mentre i politici fanno interviste  per le elezioni di maggio e parlano di lombardo che si deve dimettere o on air su radio time 


mercoledì 28 marzo 2012

Rincontro 06 aprile 2012 in streaming video


Quest'anno il "Rincontro"  per il venerdì santo, sarà in streaming, visibile su questo blog dalle 20.00, a fianco a destra di questo post , nel riquadro live stream , dove vedete una prova di visibilità notturna fatta da me  ( solo in video in questo caso ) . All'avvicinarsi già vicino il luogo del tipico Rincontro, avvierò la diretta streaming, dove permetterà a tutti di vederlo e poi lo terrò per diversi giorni  presente nel blog, per permettere a qualche ritardatario di vederlo.... 
Questo che vedete sopra è quello del 2009 fatto con un telefonino e senza nessuna web professionale .... 

Giorno 01/04/2012 la passione di Cristo visibile anche Cliccando Qui 

Se vuoi essere pubblicizzato pure tu all'evento, contattami alla mail  alfonzo.valerio77@gmail.com 
Ringrazio inoltre le attività sotto elencate per la collaborazione alla riuscita dell'evento ....










Se vuoi essere pubblicizzato pure tu all'evento, contattami alla mail  alfonzo.valerio77@gmail.com 






martedì 27 marzo 2012

Danni del fumo al cuore e al sistema circolatorio


Gironzolando per il web e specificatamente su wikipedia, mi accorgo che oltre ai polmoni, al sistema respiratorio, anche per il cuore e il sistema circolatorio, ci sono delle conseguenze di salute, infatti l'inalazione del fumo causa numerosi effetti sul cuore e sul sistema circolatorio.
Dopo un minuto di fumo, la frequenza cardiaca inizia a salire, aumentando fino al 30% nei primi 10 minuti di fumo. Il monossido di carbonio esercita effetti negativi sul sangue, riducendone la capacità di trasportare ossigeno.
Il fumo aumenta la possibilità di malattie cardiache, ictus, arteriosclerosi e malattie vascolari periferiche. L’infarto può essere causato dai piombi presenti nel tabacco, che restringono i vasi sanguigni, aumentando la possibilità di avere un attacco di cuore.
I livelli di colesterolo tendono ad aumentare nei fumatori. Inoltre, il rapporto tra le lipoproteine ad alta densità (il colesterolo "buono") di lipoproteine a bassa densità (il colesterolo "cattivo") tende ad essere più basso nei fumatori rispetto ai non-fumatori. Il fumo aumenta anche i livelli di fibrinogeno e di aumentare la produzione delle piastrine (entrambi coinvolti in coagulazione del sangue), che rende il sangue più vischioso. Quando il monossido di carbonio si lega all'emoglobina (la componente di trasporto di ossigeno nei globuli rossi), risultando in un complesso molto più stabile dell’emoglobina legata con l'ossigeno o anidride carbonica, si può avere la perdita permanente della funzionalità delle cellule del sangue. Le cellule ematiche sono naturalmente riciclate dopo un certo periodo di tempo, permettendo la creazione di nuovi eritrociti. Tuttavia, se l'esposizione di monossido di carbonio raggiunge un certo livello, si può verificare l’ipossia (e più tardi la morte). Tutti questi fattori rendono i fumatori più a rischio di sviluppare varie forme di arteriosclerosi. Più l'arteriosclerosi avanza, meno facilmenteil sangue scorre attraverso i vasi sanguigni, rigido e ridotto, rendendo il sangue più incline a formare una trombosi, oppure un blocco improvviso di un vaso sanguigno, che può portare a un ictus. Tuttavia, è giusto sottolineare che gli effetti del fumo sul cuore possono essere più sottili. Queste condizioni si possono sviluppare a poco a poco dato il fumo ciclo di guarigione (il corpo umano “guarisce se stesso” tra i periodi di fumo a mano a mano che smaltisce le sostanze della sigaretta), e, pertanto, un fumatore può sviluppare disturbi meno significativi, come il peggioramento o il mantenimento di condizioni dermatologiche, ad esempio, eczema, a causa di ridotto afflusso di sangue.


lunedì 26 marzo 2012

Giornata mondiale della lentezza



Oggi 26 marzo si celebra la VI edizione della Giornata Mondiale della lentezza,  dedicata alla riflessione sui ritmi folli e veloci della nostra società che creano danni tanto economici, quanto ambientali e sociali. Un'occasione per pensare e valutare modelli alternativi al nostro.
A questo proposito vogliamo capovolgere il senso di alcuni luoghi comuni sulla lentezza delle popolazioni del Sud del mondo e suggerirli come modelli culturali per migliorare la vita quotidiana e renderla più sostenibile.
Modello africano Hakuna Matata o Pole Pole
Queste due espressione sono locuzione in swahili, che significano letteralmente "non ci sono problemi" e "piano piano". Viaggiando o vivendo per un periodo nell'Africa centro-orientale (soprattutto in Kenia e Tanzania) vi potrebbe capitare spesso di sentirvelo dire mentre voi vi affannate per organizzare la giornata e per gestire le ore. Il tempo africano è un tempo naturale in cui ogni cosa viene dettata dalla luce solare e dalle temperature tropicali. Nonostante le difficoltà oggettive che si hanno per farsi una doccia, per lavare i piatti, per andare da un posto all'altro, non vedrete mai nessuno correre, andar di fretta o svolgere un lavoro di corsa. Basterà pochissimo per abituarvi al ritmo temporale africano e ci vorrà molto di più per ritornare ai ritmi artificiali dell'occidente…
Modello Ispano-americano Ahorita o Siesta
Sono queste due parole spagnole d'espressione messicana  che significano "ora" e "pausa". Indicano un' attitudine molto simile a quella descritta parlando del monello "hakuna matata" e che riporta a una concezione del tempo più rilassata. Se avrete avuto a che fare con persone di nazionalità messicana, saprete di cosa stiamo parlando. Prima di portare a termine un'azione, un messicano ne intraprenderà tante altre piccole, lente e rilassate, e se voi sarete lì in attesa, con la giacca, pronti per andare, lui con calma estrema vi risponderà "ahorita vamos" e prima che ciò accada potrebbe passare mezz'ora.
Il modello orientale Zen
Molte religioni e discipline orientali, negli ultimi decenni praticate anche in occidente, abbracciano una concezione temporale diversa, che mira a una percezione del tempo soggettiva.  Nel "modello Zen"  la realtà del tempo esiste solo internamente e la percezione del suo passaggio varia secondo il personale stato di coscienza.
Modelli dunque diversi rispetto al nostro, ma più naturali e sostenibile rispetto a quello occidentale diventato ormai troppo frenetico e folle.

domenica 25 marzo 2012

Leoluca Orlando straparla... secondo Ferrandelli

"Leoluca Orlando straparla, non è più in sé. Io non lo riconosco più". Questa volta, è Fabrizio Ferrandelli, il giorno seguente l'annuncio della candidatura di Leoluca Orlando a  sindaco di Palermo, a rispondere al suo vecchio leader adesso sempre più nemico, in una campagna elettorale divenuta lotta interna nel centrosinistra e battaglia generazionale.
 "Orlando ieri ha lanciato un sfida  - premette Ferrandelli- soltanto sul piano personale e oggi sono qui per ribadire che la sfida l'accettiamo perché sono convinto che dobbiamo liberare la città anche da lui e dal suo modo di fare politica. Rappresenta un modo vecchio di fare politica, è un avversario pericoloso per la città, non ha un progetto ed è ancora venditore di aria fritta". 
"Non sembra normale - ha dichiarato Ferrandelli - che una persona che si definisce del centrosinistra non accetti le regole e si comporti in maniera così sleale e scorretta al punto che ieri in conferenza stampa non ha nominato una sola volta nè Costa nè Aricò. Abbiamo voluto tenere i toni bassi ma una risposta va data. È inaccettabile che un esponente del centrosinistra ha anteposto il suo rancore nei miei confronti al bene la città rompendo il patto con gli elettori".  
Sondaggio per votare il sindaco a Palermo 

venerdì 23 marzo 2012

Il comune di Sgarbi sciolto per mafia



Il commissariamento riguarda la “roccaforte” dell’ex deputato regionale della Dc, Pino Giammarinaro che tre anni fa chiese al critico d'arte di candidarasi a sindaco. Cosa che avvenne. Una successiva inchiesta ha mostrato 'estrema libertà con cui lo stesso Giammarinaro gestiva gli affari pubblici Salemi e Racalmuto. Due Comuni siciliani, il primo noto per essere il paese degli esattori Salvo, dell’on. Giammarinaro e in ultimo anche del sindaco Sgarbi, l’altro il paese dello scrittore Leonardo Sciascia. Due Comuni sciolti per inquinamento mafioso. Lo ha deciso il Consiglio dei Ministri che ha sciolto anche i Comuni di Pagani, in provincia di Salerno, Gragnano, nel Napoletano, Bova marina e Platì in Calabria. Deciso lo scioglimento anche per Leinì, il comune del Torinese, più volte al centro delle indagini per ‘ndrangheta.

In Sicilia il commissariamento riguarda la “roccaforte” dell’ex deputato regionale della Dc, Pino Giammarinaro, capo degli andreottiani ai tempi della “balena bianca, e poi molto vicino all’ex governatore Totò Cuffaro. Giammarinaro, uscito assolto da un processo per mafia, ha subito la sorveglianza speciale per 4 anni, circostanza questa che nel tempo non gli ha impedito di accrescere il suo potere politico e anche economico. Rais di Salemi, tre anni addietro chiese al critico d’arte Vittorio Sgarbi di candidarsi a sindaco, e puntualmente il prof. Sgarbi venne eletto e tra i suoi primi atti vi fu quello di “certificare” l’assoluta inesistenza della mafia e “omaggiare” del rispetto politico l’on. Giammarinaro, indicando lui, ma anche altri, come dei perseguitati.

Nel frattempo però le indagini sull’on. Giammarinaro portarono alla scoperta di lucrosi affari nel campo della sanità, centri sanitari privati convenzionati a peso d’oro con la sanità pubblica. L’on. Giammarinaro è stato riproposto per la sorveglianza speciale e ha subito un sequestro di beni per oltre 30 milioni di euro, le indagini hanno anche fatto emergere l’estrema disponibilità a lui concessa per “controllare” gli affari del Comune. Sgarbi doveva essere un paravento, dietro le quinte a giostrare ogni cosa gli “uomini” – ma anche le “donne” – dell’on. Giammarinaro. L’operazione che ha portato al sequestro e a fare scoprire questi scenari di commistione è stata condotta da Polizia e Finanza, denominata “Salus Iniqua”. Dopo il blitz la prefettura ha nominato una commissione di accesso agli atti, addirittura il giorno prima che la decisione venisse ufficializzata da Roma, dal Viminale, il sindaco Sgarbi se ne era uscito quasi sostenendo che quella ispezione scaturiva da una sua richiesta.

Quando l’ispezione si è conclusa con la proposta di scioglimento per mafia, Sgarbi, dopo avere minacciato querele a destra e a manca, sostenendo l’inesistenza degli addebiti, si è dimesso, andando a incontrare il neo ministro dell’Interno, prefetto Anna Maria Cancellieri che addirittura, secondo quanto riferì Sgarbi, gli avrebbe consigliato di impugnare il provvedimento, scenario inverosimile ma che però non è rimasto smentito dal ministro. Il numero uno del Viminale ha preferito passare all’azione portando oggi in Consiglio dei ministri la proposta di scioglimento degli organi comunali di Salemi per inquinamento mafioso.

La relazione è ricca di precisi elementi. Il pool di ispettori, composto da un vice prefetto, un commissario di polizia e un tenente dei carabinieri, ha colto gli elementi dell’inquinamento mafioso dopo avere passato ai raggi x atti e documenti, cogliendo pressioni e influenze, la presenza ingombrante dell’ex parlamentare andreottiano:  Giammarinaro avrebbe avuto a sua disposizione assessori, consiglieri, funzionari e dipendenti comunali, gli stessi citati dal Tribunale di Trapani nell’ordinanza “Salus Iniqua”. Ci sono una serie di intercettazioni condotte dai carabinieri, ma anche dalla polizia, in grado di dimostrare che quotidianamente il politico veniva consultato sui problemi politici e del Comune. Ad essere chiamata in causa è stata anche il vice sindaco, Antonella Favuzza: secondo il contenuto dell’ordinanza “Salus Iniqua”  “si è sistematicamente confrontata con Giammarinaro rispettando “la regia occulta”. Lei ha risposto negando, anzi dicendo di essere stata “nemica” di Giammarinaro. Ma la sua dichiarazione contraddice il contenuto di in una intercettazione  nella quale si dichiara che il bilancio comunale è stato  fatto presso l’abitazione dell’ex deputato regionale Giammarinaro.

A questi elementi contenuti nell’inchiesta “Salus Iniqua” si aggiungono le dichiarazioni del fotografo, Oliviero Toscani, rilasciate alla Procura antimafia di Palermo dopo le sue dimissioni da assessore di Sgarbi: «Ho deciso di lasciare la Giunta di Salemi perché mi sono reso conto che il contesto territoriale, che mi permetto di definire “mafioso”, non mi consentiva di operare in maniera libera ed autonoma nell’amministrazione comunale. In particolare, posso dire che sin dal mio ingresso in Giunta, ho potuto constatare la costante presenza di Pino Giammarinaro alle riunioni della Giunta. Giammarinaro partecipava e assumeva decisioni – senza averne alcun titolo – alle riunioni della Giunta di Salemi, alla presenza di Sgarbi, del sottoscritto e di altri assessori comunali. La cosa mi sembrò alquanto anomala, perché nessun estraneo aveva mai partecipato alle riunioni della Giunta…».

Adesso a seguito del decreto di scioglimento, a Salemi decadrà anche il Consiglio comunale. La Giunta si era già dimessa a seguito dell’uscita di scena di Vittorio Sgarbi. L’amministrazione da poco più di una settimana era retta dal magistrato Guglielmo Serio che come suo primo atto era andato a Cefalù a rendere omaggio al prof. Sgarbi nel giorno in cui questi annunciava la candidatura a sindaco in quel centro. Contestualmente alla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale del decreto di scioglimento, il Governo indicherà i tre commissari straordinari, e a Salemi il voto amministrativo previsto dalla Regione per il prossimo mese di maggio slitterà di 18 mesi, salvo ulteriori proroghe.

giovedì 22 marzo 2012

Grande Sud presenta variante alla legge Merlin per le prostitute in strada

Mai piu’ prostituzione nelle strade, ma solo nelle abitazioni private, a patto che a praticarvi il mestiere piu’ antico del mondo sia soltanto chi risiede nell’abitazione. E’ quanto proponeGrande Sud, con una norma che andrebbe a modificare la legge Merlin del 1958. Per chi sara’ sorpreso a svolgere l’attivita’ fuori dalle mura domestiche e’ previsto l’arresto da sei mesi a tre anni e una ammenda da 500 a 3.000 euro. Non si tratta di un ritorno alle case chiuse: al contrario, si prevede il permesso all’esercizio della prostituzione solo “in forma autonoma e indipendente, consentito solo ai soggetti maggiorenni, che possono esercitare tale attivita’ nel proprio domicilio o in un altro luogo privato. In tali luoghi non e’ consentito ad altri svolgere tale attivita’”. Inoltre “l’esercizio della prostituzione deve essere comunicato all’autorita’ di pubblica sicurezza, indicando la data di inizio e il luogo di svolgimento”.

 Le autorita’ di polizia segnaleranno quindi l’attivita’ alle autorita’ sanitarie, alla questura, preposta al controllo dei permessi di soggiorno, e al corpo di Guardia di Finanza. Le Fiamme Gialle dovranno infatti vigilare a che sui “redditi derivanti dall’esercizio della prostituzione, assimilabili ai redditi da lavoro autonomo” vengano pagate le tasse previste dalla legge. Grande importanza e’ data, nella proposta di legge, ai controlli sanitari: “Gli accertamenti sanitari periodici sono obbligatori” al fine di “accertare lo stato di salute e l’assenza di patologie veneree o comunque infettive nel soggetto che esercita la prostituzione”.

E’ una legge di civilta’” dice Aurelio Misiti, che mette in rilievo come la “la legge Merlin che elimino’ le case chiuse risale agli anni 50, quando la prostituzione era femminile. Ora ci sono anche gli uomini e i transessuali e infatti facciamo riferimento alle ‘persone’”.

Per Ugo Grimaldi e’ un modo per “eliminare lo spettacolo indecente sulle nostre strade, tagliare l’erba sotto i piedi della criminalita’ organizzata, e aiutare le casse dello Stato con nuove entrate fiscali. Siamo pronti anche ad un referendum…”.

“La legge persegue l’ammodernamento della legge Merlin – dice Roberto Centaro – non la riapertura delle case chiuse” e, aggiunge Maurizio Iapicca, tiene conto “del fatto che le cose sono cambiate da allora e i costumi sono altri”. Francesco Stagno D’Alcontres avverte “che una proposta del genere richiede la ricerca di un confronto con il mondo cattolico. Ma un Paese civile non mette la testa sotto la sabbia e affronta il problema” che riguarda, secondo alcune stime, almeno 70mila persone. Per la proposta Grande Sud chiedera’ quanto prima un confronto con i ministri competenti e alla presidenza della Camera una rapida calendarizzazione. (AGI)

martedì 20 marzo 2012

Chi paga la Campagna elettorale a Palermo? Dragotto risponde


Mentre Palermo è invasa di cartelloni pubblicitari dai quali i candidati sindaci guardano, ammiccanti, le file ininterrotte di auto che scorrono attorno assolutamente indifferenti al loro “fascino”, e si moltiplicano i comitati elettorali, alcune domande sorgono spontanee: chi paga tutto ciò?
Questa la domanda che si è posta blog sicilia nel suo sito,e sopra la risposta di Dragotto. Nel sito Blogsicilia  tra l'altro c'è la pubblicità di Tommaso Dragotto stesso ed altri candidati... 

Risponderanno gli altri candidati? o sono impegnati ad aiutare gli altri per apparire e farsi vedere dalla gente e far parlare di loro ?

domenica 18 marzo 2012

BLOGGING DAY IN FAVORE DEGLI ITALIANI IN OSTAGGIO NOI NON LI ABBIAMO DIMENTICATI!



19/03/2012
I viaggi di Maya, la disegnatrice “Owl – Cuor di Carciofo” e Sabrina Ancarola,  in collaborazione con “Ladigetto Donna”  hanno indetto il 2° blogging day in favore degli italiani sequestrati.

Il “blogging day” è un giorno in cui un gruppo di blogger decide di parlare di un unico argomento. Allo scopo di sensibilizzare quante più persone possibili e di far parlare anche i media degli Italiani rapiti.

Il 19 Marzo 2012, anniversario della guerra in Libia, i blogger, gli utenti Facebook e Twitter dedicheranno il proprio post a questo argomento e pubblicheranno in forma di ricordo e di protesta, il logo in basso, presente in questa pagina.

Gridiamo la nostra speranza e il nostro desiderio di libertà, facciamo sentire alle famiglie dei sequestrati che noi ci siamo, noi non dimentichiamo.

Chiediamo allo Stato Italiano, nonostante il legittimo riserbo, di dare Voce e volto agli Italiani sequestrati. Vorremmo una collaborazione piena anche da parte dei Media, delle testate giornalistiche e dei giornali online!


BLOGGING DAY: #freeitalians #shatteredchains

sabato 17 marzo 2012

Davide faraone sulla sinistra palermitana


venerdì 16 marzo 2012

Rottura tra Regione Sicilia e Forconi durante il colloquio



Quello che doveva essere un incontro per tracciare una linea comune sulle proposte avanzate nelle scorse settimane si è trasformato in una vera e propria rottura. Non c’è intesa fra i rappresentanti de Movimento dei Forconi e i vertici delle istituzioni della Regione siciliana che si sono ritrovati stamani l’uno di fronte all’altro nella sede dell’Ars.
“Nessuna risposta dal Governo siciliano - dichiara a BlogSicilia il leader dei Forconi Mariano Ferro, che oggi all’Ars ha incontrato il presidente della Regione Raffaele Lombardo e il presidente dell’Ars Francesco Cascio. – I sei  punti di cui si era parlato nelle settimane scorse sono stati eliminati. La politica regionale è impotente nel dare risposte alla popolazione. Cosa stiamo aspettando? Chi ci deve dare risposte? Il presidente della Regione e il presidente dell’Ars Francesco Cascio anzicchè dialogare con noi ad un certo punto hanno abbandonato l’aula. La gente è disperata, ma al Governo non importa. Non ci sono risposte sia da parte del Governo nazionale sia da quello regionale. E’ impossibile fare tavoli in questa maniera. E’ necessario che tutti i siciliani decidano insieme. Lo Statuto, la riduzione delle accise sulla benzina, e tutte le richieste fatte nei mesi scorsi sono andate a finire dentro un cassetto.
I siciliani hanno bisogno di un altro elettroshock. Lo faremo in modo democratico e pulito ma è necessario. Non ci sono più soluzioni. Cascio ci aveva detto di non mollare, ma in realtà sono loro che ci hanno mollato. Loro sono la classe dirigente, noi siamo il popolo, e dunque sono loro che devono fare le riforme strutturali per far sì che la nostra terra volti pagina. Non volgliamo più le loro elemosina”

giovedì 15 marzo 2012

Zio paperone e qui quo qua


Ma che avranno da ridere? bersani monti , alfano e pierferdinado casini nell'incontro a palazzo chigi

4° Mese senza fumare

Oggi sono giunto al 4° mese senza fumare , al di fuori di tutte le aspettative e le quotazioni che i miei amici mi avevano dato .
Addirittura mi avevano dato per spacciato, non sarei durato tanto senza fumare e che tutta la forza di volontà necessaria per smettere fumare non l’avrei avuta e che magari dopo 15 giorni avrei ripreso come se nulla fosse successo .
Talmente erano alte le mie quotazioni che giocando  l’equivalente di qualche pacchetto di sigarette , per ora sarei con un migliaio di euro in più nel conto in banca.
C’è gente che magari incontro al bar che solitamente non vedo spesso, che con la forza d’abitudine magari mi domanda una sigaretta o l’accendino, ed io con molto savoir faire e con un sorriso che mi inorgoglisce sempre di più , rispondo guardandolo in faccia “ no non fumo più” e certe volte gli dico pure i mesi che sono che non fumo. La cosa che mi piace di più è vedere le rispettive facce attonite e sbalordite , e dopo qualche secondo di silenzio la maggior parte delle volte è sempre la stessa : “ ahh non fumi più ? bene come ci sei riuscito ? “ , e quando mi fanno la seconda parte della domanda , cioè sul come ci sono riuscito , penso sempre di dover tenere un accendino in tasca , almeno se mi domandano di accendere evito poi di farmi prendere per persona pazza o extraterrestre .
Si sì , extraterrestre perché per un fumatore sentire di dire ad un altro che si toglie il vizio di botto  non esiste , è una cosa inammissibile e inaudita , da marziani. Pure per me quando fumavo avevo la stessa repulsione al sentirmi dire certe cose , infatti dicevo , ma te l’ha detto il dottore che devi smettere altrimenti hai delle complicazioni con la salute , già perché una cosa è che te lo dice un dottore , una cosa è avere la forza propria della volontà e riuscirci.
Poi quando gli spieghi pure quanto è che non fumi , sempre con una faccia incredula  ti chiedono se i primi giorni almeno qualche sigaretta dopo il caffè me la fumavo , o dopo aver pranzato oppure se la sera il sabato qualche drink alcolico continuo a berlo , o se continuo a prendere il caffè .
Appena gli dico che mi sono tolto solo il vizio delle sigarette , sono ancora più increduli e ti guardano come se non fossi normale , dicendo che ci proveranno pure loro a smettere , nel mentre però hanno procurato da qualche altro l’accendino e si stanno fumando o si accendono la sigaretta.
Ehi ! Ehi ! Che mica cerchi pure tu l’accendino ? Prendi un chewing gum magari che è più salutare , perché dopo che smetti si vedono i risultati e continui imperterrito , devi solo passare alcune soglie tipo le prime due settimane , e poi arrivati dai tre mesi in poi aumenta la capacità respiratoria, con la  conseguente diminuzione della tosse , i polmoni si iniziano a liberare del fumo che avevano imprigionato dentro aumentando così pure la capacità alveolare e polmonare  nella respirazione durante lo sforzo fisico.
Questa non è una cosa propinata e presa da studi medici testati , ma l’ho testata io in particolar modo pure, come farebbe un venditore di fiducia ed onesto  prima di mettere in vendita  un prodotto. L’altro ieri sono andato al campo sportivo e sono andato a correre una ventina di minuti .
Ebbene io in quindici anni di fumatore nel periodo primaverile per tenermi in forma sono sempre andato a fare qualche corsa, con il risultato che dopo giustamente molti mesi  senza correre, all’inizio cominciavo a fare il primo giro di campo sportivo che ha una lunghezza di 90 metri ed una larghezza di 45/50 metri , e a metà giro già cominciavo a respirare affannato e arrivati al primo giro cominciavo a respirare aprendo la bocca e inspirando aria anche  con  la  bocca  perché   ad  inspirare col naso  già mi
  veniva più difficile  ed avevo problemi nella respirazione , aumentando i giri sentivo già la stanchezza ed il fiato venir meno e la respirazione più affannosa con il conseguente effetto che per cominciare a respirare di nuovo col naso , anziché correre, dovevo mettermi a camminare e fare con le braccia gli esercizi per la respirazione e riprendere a respirare col naso, appena poi le gambe non tiravano più tanto i muscoli , cominciavo a correre di nuovo per un altro mezzo giro . L’altro ieri invece ho fatto 4 giri tutti in una volta, non ho mai respirato con la bocca , ma tutto il tempo con il naso , dopo 4 giri mi sono messo a fare mezzo giro di camminare e poi altri 2 . All’ ultimo giro poi mi sono messo a fare camminando degli esercizi per la respirazione e arrivati vicino l’uscita  qualche esercizio di stretching e di allungamento muscolare per coinvolgere nel lavoro muscolare anche i tendini ossa e articolazioni .
Erano passati 20 minuti , avevo un pochino di stanchezza , potevo ancora continuare , mi sono però fermato per evitare l’indomani mattina il risveglio doloroso dovuto all’acido lattico.
Quando uno ri-inizia a fare attività fisica , la prima settimana ed in special modo dopo il primo giorno , si fanno sentire dolori .
Come dice un vecchio proverbio , “ abrusciatu di l’acqua fridda , di chidda cavura mi scantu “ ( bruciato dall’acqua fredda , di quella calda poi mi spavento) e pensando alle pantomime che uno è costretto a fare al risveglio dolorante  del giorno dopo , decisi di smettere lì e di andare a casa a fare una doccia calda e rilassante.  Il giorno dopo al risveglio mi sono alzato tranquillamente come se il giorno prima non fossi andato a correre, a differenza degli anni da fumatori che quando mi alzavo con lo stesso tempo di correre , avevo le gambe doloranti e per alzarmi dovevo fare un auto convincimento e far capire alle mie gambe che dovevano smuoversi e rimandavo a dopo 5 minuti il rialzo per riposare un altro pochino.
Poi vi farò sapere come va oggi pomeriggio …


mercoledì 14 marzo 2012

Sondaggio per il sindaco di Palermo


15.30 30 marzo 2012


ore 16.30 27/03/2012 da live sicilia


lunedì 26 marzo ore 17.30 Orlando acquista posizioni



Questa aggiornata a alle 14.00 del 22 marzo 2012


Questi alle 12.45 i risultati dei votanti sul sito di live sicilia  per il sondaggio sul sindaco di palermo e i relativi voti, andando nel sito , puoi votare pure tu e vedere i risultati aggiornati...

Aggiornato il 16 marzo 2012 ore 15.30



martedì 13 marzo 2012

Confermata la vittoria di Ferrandelli da parte dei garanti delle Primarie

PALERMO - Il collegio dei Garanti ha considerato valido il voto delle primarie del centrosinistra a Palermo, vinte da Fabrizio Ferrandelli. I Garanti hanno però annullato la votazione nel solo seggio del quartiere Zen, al centro di un'inchiesta della procura di Palermo.

FERRANDELLI: RICOMINCIAMO A COSTRUIRE FUTURO. Ferrandelli affida a twitter il commento alla conferma della sua vittoria contro Rita Borsellino, arrivata seconda : "Ora ricominciamo a costruire il futuro insieme".

IL RISULTATO. Senza i voti del seggio dello Zen, Ferrandelli,  ex Idv sostenuto da 39 movimenti e da un pezzo del Pd, risulta vincitore con 126 voti di scarto rispetto a Rita Borsellino, seconda classificata, appoggiata dalla segreteria nazionale e regionale dei Democratici e dagli altri partiti del centrosinistra. In tutto, Ferrandelli ha ricevuto 9790 voti, Rita Borsellino 9664 voti, Davide Faraone 7822 voti e Antonella Monastra 1740 voti.

Danni del fumo ai polmoni e al sistema respiratorio

Dopo aver visto le sostanze che sono contenute nelle sigarette , altro passo che viene d’ obbligo e immediato è quello di cercare queste sostanze che reazione facciano al nostro organismo ed alla salute della persona stessa.
Ebbene tramite una enciclopedia online ( Wikipedia ) ho visto e scoperto che il fumo di sigaretta è considerato il principale agente eziologico per lo sviluppo di carcinoma del polmone. Secondo uno studio elaborato servendosi di proiezioni statistiche, è responsabile di circa il 90% dei tumori polmonari mortali nei paesi sviluppati. In particolare, sempre secondo uno studio, nel caso degli USA il fumo di sigaretta è responsabile dello sviluppo dell'87% dei casi di neoplasia polmonare (90% negli individui di sesso maschile e 85% nelle donne), con un'incidenza che aumenta considerevolmente se le prime esposizioni avvengono tra i 18 e 25 anni di età.Il fumo di sigaretta contiene circa 60 cancerogeni certi, inclusi i radioisotopi provenienti dal decadimento del radon, il benzopirene e alcune nitrosamine. Inoltre la nicotina presente è in grado di deprimere la risposta immunitaria, diminuendo la capacità di sorveglianza e di killing delle cellule neoplastiche da parte dei linfociti T e dei linfociti NK. Il rischio percentuale di sviluppo di cancro mortale aumenta con l'aumentare del tempo di esposizione e del numero di sigarette fumate, con graduale diminuzione temporale del rischio in seguito a cessazione totale dell'esposizione. Il fumo di sigaretta non rappresenta solo un fattore di rischio, ma anche un importante elemento in grado di influenzare la prognosi, dimostrato dal fatto che soggetti non fumatori ma con carcinoma del polmone hanno una maggiore percentuale di sopravvivenza a 5 anni rispetto ai fumatori. Inoltre è stato ampiamente documentato che la cessazione del fumo in seguito alla diagnosi di tumore migliora notevolmente il profilo prognostico.

Del fumo di sigaretta si deve considerare una componente mainstream e una sidestream; la prima, ad alte temperature, è quella generata da processi di inspirazione attiva. La seconda, a basse temperature, è il risultato della combustione spontanea tra le dita o nel posacenere. Ultimamente questa distinzione ha assunto un notevole peso epidemiologico, poiché recenti studi hanno dimostrato come la componente sidestream, che rappresenta per larga parte il fumo passivo (85%), sia potenzialmente più nociva rispetto alla componente mainstream (fumo attivo). Naturalmente all'atto pratico, data la notevole diluizione nell'aria che il fumo passivo subisce prima di essere eventualmente inalato, l'aumento percentuale di rischio di contrarre patologie a cui è esposto chi lo assume resta notevolmente inferiore rispetto a quello del fumatore attivo.
La connessione tra esposizione passiva e aumento del rischio è stata ulteriormente dimostrata da studi condotti negli USA, in Europa, in Gran Bretagna e in Australia che hanno documentato un aumento del rischio relativo nei soggetti esposti al fumo passivo (soggetti che vivono o che lavorano con un fumatore attivo).
inoltre il fumo può anche causare al sistema respiratorio:
Broncopneumopatia cronica ostruttiva, un'ostruzione delle vie respiratorie, il cui sintomo premonitore è una tosse continua
Carcinoma polmonare
Bronchiolite respiratoria con interstiziopatia
Polmonite interstiziale desquamativa
Tubercolosi: fumare 20 sigarette al giorno aumenta il rischio di contrarre la tubercolosi da 2 a 4 volte.
Per broncopneumopatia cronica ostruttiva in campo medico, si intende un'affezione cronica polmonare caratterizzata da una ostruzione bronchiale, con limitazione del flusso aereo per niente o solo parzialmente reversibile, lentamente progressiva, causata da un'infiammazione cronica delle vie aeree e del parenchima polmonare. Considerata la quarta causa di morte in Europa e negli USA (almeno 65.000 morti all'anno,) studi recenti hanno evidenziato un aumento della mortalità a livello mondiale.
Il carcinoma del polmone è una categoria diagnostica che comprende l'insieme delle neoplasie maligne che originano dai tessuti epiteliali (carcinomi) che compongono i bronchi e il parenchima polmonare.
Per questo, i sarcomi e i linfomi che originano nel contesto delle strutture polmonari devono essere distinti da questa categoria.
La maggior parte (oltre il 95%) delle neoplasie polmonari maligne è rappresentato dal carcinoma del polmone, mentre i sarcomi e linfomi costituiscono meno dello 0,5% di questa casistica. Meno del 5% delle neoplasie polmonari è invece rappresentato da tumori benigni (amartoma) o a basso grado di malignità (carcinoidi).
Un'ulteriore distinzione deve essere operata tra neoplasie primitive e neoplasie secondarie; infatti, mentre le prime originano dalle strutture polmonari, le seconde sono rappresentate da metastasi di neoplasie che si originano in altri organi come, ad esempio, il rene, il fegato, la mammella e la prostata.
Il carcinoma del polmone era poco comune prima della diffusione del tabagismo e fino al 1791 non era considerato un'entità patologica con dignità propria. I differenti aspetti del carcinoma del polmone vennero descritti nel 1819. Nel 1878 i tumori maligni del polmone costituivano solo l'1% delle neoplasie osservate in corso di autopsia, ma la percentuale salì fino al 10-15% nella prima parte del 1900. I dati riportati nella letteratura medica riferiscono solo 374 casi in tutto il mondo nel 1912, ma lo studio dei dati derivati dai referti autoptici ha dimostrato che l'incidenza aumentò dallo 0,3% nel 1852 al 5,66% nel 1952.
Per Bronchiolite respiratoria con interstiziopatia (RB-ILD) s'intende una forma rara di alterazione polmonare che colpisce i fumatori abituali. Si manifesta principalmente nel sesso maschile dalla quarta decade di età in poi. Fra i sintomi e i segni clinici si riscontra dispnea, tosse ma anche emottisi ed enfisema centrolobulare. La continua assunzione nel tempo del fumo comporta la nascita di tale malattia. Alla radiografia si mostra quello che viene chiamato "polmone sporco".La prognosi è favorevole se la persone smette le sue abitudini, nei rari casi che ciò non fosse sufficiente si somministrano steroidi.
Per polmonite interstiziale desquamativa in campo medico, si intende una forma di pneumopatia (malattia polmonare) interstiziale idiopatica, dovuta ad un accumulo di macrofagi a livello alveolare.La malattia è essenzialmente rara, l'incidenza è maggiore nelle persone che fumano abitualmente e hanno un'età compresa fra la quarta e la quinta decade. Alla radiografia si presentano aspetti particolari che ne facilitano la diagnosi come il cosiddetto "polmone sporco".Fra i sintomi e i segni clinici si presentano tosse e dispnea da sforzo, come nelle altre forme simili vi è fibrosi.Oltre alla cessazione del fumo che in rari casi ha portato da solo alla guarigione dalla polmonite, si utilizzano gli steroidi (50 mg al giorno). La mortalità rimane alta, più del 25% dei casi, ma questa è dovuta a complicanze che possono insorgere a livello respiratorio. 
La tubercolosi o tisi, in sigla TBC, è una malattia infettiva causata da vari ceppi di micobatteri, in particolare dal Mycobacterium tuberculosis, chiamato anche Bacillo di Koch.
 A destra si può vedere una caverna tubercolare,
                                             a sinistra un infiltrato di Assman-Redker

La tubercolosi attacca solitamente i polmoni, ma può colpire anche altre parti del il corpo. Si trasmette per via aerea attraverso goccioline di saliva emesse con la tosse. La maggior parte delle infezioni che colpiscono gli esseri umani risultano essere asintomatiche, cioè si ha un'infezione latente. Circa una su dieci infezioni latenti alla fine progredisce in malattia attiva, che, se non trattata, uccide più del 50% delle persone infette.
I sintomi classici sono una tosse cronica con espettorato striato di sangue, febbre di rado elevata, sudorazione notturna e perdita di peso. L'infezione di altri organi provoca una vasta gamma di sintomi. La diagnosi si basa sull'esame radiologico (comunemente una radiografia del torace), un test cutaneo alla tubercolina, esami del sangue e l'esame microscopico e coltura microbiologica dei fluidi corporei. Il trattamento è difficile e richiede l'assunzione di antibiotici multipli per lungo tempo. La resistenza agli antibiotici è un problema crescente nell'affrontare la malattia. La prevenzione si basa su programmi di screening e di vaccinazione con il bacillo di Calmette-Guérin.
Leggendo queste malattie che può provocare il fumo della sigaretta , anche se solo per un istante mi venisse in mente di accenderne una , mi provocherebbe la repulsione ed un conato di vomito al solito pensiero... 
Se volete continuare la ricerca la trovate su Wikipedia da dove ho preso le notizie inserite...


lunedì 12 marzo 2012

Diario di un Ex fumatore vers.2.0 Il libro




"Diario di un ex fumatore vers. 2.0 " scritto da vale@l 

P.S.: è gradito qualche commento nei vari post relativi al libro , poi puoi pure iscriverti al blog per seguire meglio i vari post che vado inserendo...
 
Questa immagine alla fine di ogni post del libro vi porterà in questa pagina che è una sorta di indice

Ordine temporale di scrittura dei post per una immediata lettura :
( relativi all' etichetta D e f vers.2.0. )
(relativi alla seconda parte del libro e la seconda etichetta defvers2.0 ) 






Ottieni il "Diario di un ex fumatore vers 2.0"  con una donazione




Licenza Creative Commons

Questo opera è distribuito con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia.


Tu sei libero:

  • di modificare quest'opera

Alle seguenti condizioni:

  • Attribuzione — Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati 
    dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza e in modo tale da
    non suggerire che essi avallino te o il modo in cui tu usi l'opera.
  • Non commerciale — Non puoi usare quest'opera per fini commerciali.
  • Condividi allo stesso modo — Se alteri o trasformi quest'opera,
     o se la usi per crearne un'altra, puoi distribuire l'opera risultante
     solo con una licenza identica o equivalente a questa.

Prendendo atto che:

  • Rinuncia — E' possibile rinunciare a qualunque delle condizioni sopra
  •  descritte se ottieni l'autorizzazione dal detentore dei diritti.
  • Pubblico Dominio — Nel caso in cui l'opera o qualunque delle sue 
  • componenti siano nel pubblico dominio secondo la legge vigente, 
  • tale condizione non è in alcun modo modificata dalla licenza.
  • Altri Diritti — La licenza non ha effetto in nessun modo sui seguenti diritti:
    • Le eccezioni, libere utilizzazioni e le altre utilizzazioni consentite dalla legge sul diritto d'autore;
    • I diritti morali dell'autore;
    • Diritti che altre persone possono avere sia sull'opera stessa che su come l'opera viene utilizzata, come il diritto all'immagine o alla tutela dei dati personali.
  • Nota — Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera, devi farlo secondo i termini 
  • di questa licenza, che va comunicata con chiarezza.

domenica 11 marzo 2012

Alessandro Aricò candidato a Sindaco di palermo?








Che questa è una risposta a Massimo Costa con la conferenza che ha fatto ieri , dove invoca a Alfano e a Cascio di appoggiarlo , in questi giorni Alessandro Aricò ha creato un account twitter e il sito del Fli Palermo. 
Che sia proprio lui il candidato del pdl a Sindaco?

Elezioni comunali 2012, Mpa e Fli lanciano la candidatura a sindaco di Alessandro Aricò
„Alessandro Aricò, deputato regionale di Futuro e libertà, con molta probabilità sarà il candidato sindaco di quella parte di Terzo Polo che ha scaricato Massimo Costa. Ovvero Fli e l'Mpa del governatore Lombardo. Nella rosa dei possibili candidati, Aricò sarebbe il nome più gradito ai dirigenti dei due partiti. Tra le ipotesi, anche quella di coinvolgere l'Api, il partito di Francesco Rutelli, che si era ben guardato dall'appoggiare l'ex presidente del Coni siciliano. La candidatura di Aricò dovrebbe essere ufficializzata nelle prossime ore, dopo un confronto con i vertici Mpa.“


Video tracimazione diga Rosamarina di Caccamo



sabato 10 marzo 2012

Domani il generale Pappalardo promette rilevazioni sulla morte di Paolo Borsellino

Domani (domenica 11 marzo) alle 10 all’hotel Bellevue di Sferracavallo, a Palermo, nell’ambito dell’assemblea cittadina per la presentazione della candidatura a sindaco di Palermo del generale Antonio Pappalardo, l’ex presidente del COCER carabinieri, già sottosegretario alle Finanze e membro della Commissione terrorismo e stragi nel 1993 con il governo Ciampi, farà rivelazioni sconcertanti sull’uccisione del giudice Paolo Borsellino e sulla trattativa dello Stato con la mafia”. Così si legge in un comunicato stampa del generale.



venerdì 9 marzo 2012

Per Deputati e Senatori mutui all' 1.57 %



Le telecamere di "Piazza Pulita" denunciano l'ennesimo grande privilegio della Casta. Non bastavano gli stipendi d'oro, il ristorante a prezzi stracciati, i viaggi a spese dello Stato. Adesso si scopre che hanno agevolazioni anche in banca. I senatori e i deputati possono chiedere un mutuo ventennale a tasso variabile all'1,57% contro una media nazionale del 5% chiesto ai comuni cittadini.
L'inchiesta del programma di La7 è nata da una segnalazione dell'onorevole Franco Barbato, deputato Idv, che si è prestato a filmare con delle telecamere nascoste il colloquio con i dipendenti della Bnp Paris Bas del Senato dove vengono proposte le vantaggiose condizioni economiche. Peccato che queste non valgano per tutti, ma solo per i soliti privilegiati: senatori, deputati, dipendenti della banca e per tutti i loro amici: in questo caso basta essere cointestatario o subentrare ad un mutuo già acceso. "Una pacchia", così lo definiscono sia i dipendenti sia gli stessi onorevoli.

Per un mutuo ventennale a tasso variabile un comune cittadino paga dal 3,30% al 4,50%, per uno a tasso fisso dal 6,10% al 6,50%. Sempre che la banca lo conceda. Per non parlare poi di tutte le varie condizioni richieste all'atto della stipula del contratto. Assicurazione casa integrale obbligatoria da stipulare con la banca, ipoteche sull'immobile da capogiro, garanti e via dicendo. E non esistono liberalizzazioni o concorrenza che tenga.  Le banche non prestano denaro a meno che chi lo richiede dimostri di avere supergaranzie e quando lo fanno, il tasso varia dai 3 ai 5 punti percentuali rispetto al prezzo di vendita della Bce, ossia l'attuale 1%.

Situazione completamente diversa per gli onorevoli che possono usufruire di condizioni così agevolate da marcare ancora una volta la distanza con i comuni cittadini che abitano e lavorano lontani dai palazzi del potere.

Per altre info clicca qui 

giovedì 8 marzo 2012

IDV: A PALERMO RISULTATO INATTENDIBILE

(ANSA) - ROMA, 8 MAR - ''L'Ufficio di presidenza dell'Italia dei Valori ritiene del tutto inattendibile il risultato delle primarie svoltesi domenica scorsa a Palermo. Questo alla luce della gravita' e del numero delle irregolarita' denunciate da diversi organi d'informazione, da numerosi cittadini e rappresentanti di lista, e considerando, inoltre, l'inchiesta giudiziaria in corso e gli accertamenti che stanno portando avanti le forze dell'ordine''. Lo rende noto l'ufficio stampa dell'Italia dei Valori.


L'UFFICIO DI PRESIDENZA DELL'ITALIA DEI VALORI RITIENE DEL TUTTO INATTENDIBILE IL RISULTATO DELLE PRIMARIE SVOLTESI DOMENICA SCORSA A PALERMO.


mercoledì 7 marzo 2012

Scandalo voto di scambio alle primarie di palermo


video

Inoltre c'è il primo video di striscia la notizia del 05 marzo 2012 e il video del 06 marzo  2012 con la risposta di Davide Faraone che buttano ombra a queste primarie



Inoltre due persone indagate per essere state allo zen con delle schede elettorali a procacciare voti per ferrandelli, e Rita Borsellino che aspetta notizie sulla regolarità delle votazioni ... 
Ma non parla dei 40 mila euro che il partito di roma ha dato per la campagna elettorale delle primarie






martedì 6 marzo 2012

Giornata internazionale della donna... Auguri


 

Auguri a tutte le donne  
perchè attendere l'8 marzo quando si vede 
uno spettacolo come questo albero in fiore ?
E poi l'8 gli auguri sono scontati ed attesi da tutte